26.09.2000

IL PROGRAMMA AUTONOMY


Il Salone di Parigi offre anche l'occasione di presentare le iniziative che l'Azienda sviluppa per offrire a tutti i clienti, comprese le persone con ridotte capacità motorie, la libertà di spostarsi a proprio piacimento. Iniziative che - come è ormai noto - si raggruppano sotto il nome di Programma Autonomy.

Nato nel 1995, il programma è ormai diventato parte integrante delle politiche di Fiat Auto. L'Azienda, infatti, già in fase di progettazione, si impegna a realizzare modelli semplici da guidare e facilmente adattabili alle attrezzature per la mobilità assistita.

Ecco perché in termini di guidabilità, ergonomia, comfort e sicurezza la nuova Punto, per esempio, è capace di rispondere da subito alle esigenze degli anziani e delle persone con difficoltà motorie. Ne sono prova il servosterzo elettrico Dualdrive, che permette di muoversi nel traffico senza difficoltà e di parcheggiare con il minimo sforzo, e l'innovativo cambio Speedgear, capace di operare sia in modo manuale sequenziale sia in modo automatico, con due logiche di funzionamento: una che privilegia le prestazioni e l'altra il comfort.

In più la Punto, come tutti i modelli del Gruppo, è predisposta per accogliere le attrezzature destinate ai disabili. Lo dimostra la Fiat Punto 5 porte 1.2 16v con cambio automatico Speedgear esposta nello stand Fiat al Salone di Parigi.

Sulla vettura sono montati alcuni dispositivi di guida inediti. Accanto all'ormai noto freno con leva a lungo braccio c'è, infatti, un nuovo acceleratore della Guidosimplex, azionabile come una siringa: può essere sistemato sul volante come quello a cerchiello oppure sulla console, nella posizione che il guidatore ritiene più comoda.

Tra le attrezzature che rendono più facile il trasporto dei disabili c'è anche lo speciale sedile della società inglese Elap, che ruota verso l'esterno e fuoriesce parzialmente dalla vettura, rendendo più agevole l'ingresso.

La società Kempf di Strasburgo presenta un nuovo acceleratore a cerchiello da sistemare sul volante, compatibile con l'air bag. È della Okey Technologie (altro partner del programma Autonomy), invece, la centralina elettronica che si monta sul volante e che controlla i comandi ausiliari.

Tutti i dispositivi del Programma Autonomy rispondono a precisi requisiti: sono semplici da installare e si integrano perfettamente nell'abitacolo senza compromettere ergonomia, abitabilità, comfort e sicurezza della vettura. Si affiancano ai comandi di serie, consentendo così la guida anche a persone senza difficoltà motorie. Inoltre, si possono smontare facilmente ed offrono il doppio vantaggio di poter rivendere l'auto usata come una normale vettura (e quindi a prezzo di mercato), recuperando i comandi speciali per trasferirli su quella nuova.

Il Salone dell'Auto di Parigi serve anche a ricordare l'impegno del Gruppo Fiat in Europa, ribadito recentemente a Donington (Inghilterra) in occasione della presentazione del Transwheel, un prototipo che assicura anche ai tetraplegici la possibilità di spostarsi in modo autonomo guidando di persona la propria autovettura.

Un impegno che cresce e si estende a 360 gradi. Tanto che dal febbraio '98 coinvolge anche Iveco, New Holland, Fiat Ferroviaria, Magneti Marelli, Centro Ricerche Fiat e Toro Assicurazioni, che si sono impegnate a estendere anche agli altri sistemi e mezzi di trasporto (collettivi e non) i traguardi raggiunti da Fiat Auto.

Chi desidera avere maggiori informazioni sul Programma Autonomy e sulle sue iniziative per facilitare l'approccio dei disabili con l'automobile, può consultare il sito Internet www.fiatautonomy.com (in cinque lingue). Vi troverà, tra l'altro, l'elenco dei modelli disponibili con gli allestimenti speciali per la disabilità, le informazioni sulla rete dei concessionari e sui servizi al cliente e la lista dei Centri di mobilità presso i quali medici e fisioterapisti altamente specializzati sono a disposizione per visite e prove pratiche di guida.


Latest Videos

Advanced Search

Search...

From
To
Search

Latest press


x

Rights of use

The texts and images and the audio and video documents made available on media.fcaemea.com are for reporting purposes on social media networks, or by journalists, influencers and media company employees as a source for their own media editorial activities.

The texts, images and the audio and video documents are not for commercial use and may not be passed on to authorized third parties.

In addition, see Terms and conditions of access http://www.media.fcaemea.com/info/terms-and-condition

    I have read and agree.