25.02.2002

AUTONOMY


Bookmark and Share

A Ginevra, nello stand Fiat, è presente anche uno spazio dedicato al Programma Autonomy, l'iniziativa attraverso la quale il Gruppo Fiat realizza fin dal 1995 mezzi di trasporto destinati a chi ha ridotte capacità motorie. Il Programma Autonomy è ormai parte integrante delle politiche di Fiat Auto. Già in fase di ideazione dei nuovi modelli, infatti, l'Azienda progetta, in co-design con aziende leader del settore, le proprie vetture in modo da renderle facilmente adattabili alle speciali attrezzature per la mobilità assistita.

Lo dimostra la Fiat Stilo 1.6 Active tre porte esposta a Ginevra, e allestita dall'azienda Guido Simplex con dispositivi che facilitano ai disabili un gran numero di manovre e operazioni. Vediamoli nei dettagli:

  • l'acceleratore a cerchiello elettronico, un dispositivo che trasforma l'acceleratore a pedale in comando al volante;
  • il freno di servizio a lungo braccio, che trasforma l'azione frenante a pedale in comando manuale vicino al volante;
  • la frizione automatica elettronica che, tramite un interruttore posto sulla leva del cambio o il solo sfioramento della stessa, consente di cambiare marcia senza agire sul pedale della frizione;
  • infine, la piastra girevole per il sedile lato passeggero che permette di salire e scendere dalla vettura con più facilità.

    Si tratta di dispositivi semplici da installare e che si integrano perfettamente nell'abitacolo senza compromettere ergonomia, abitabilità, comfort e sicurezza della vettura. Si affiancano ai comandi di serie consentendo così la guida anche a persone senza difficoltà motorie. Inoltre, si possono smontare facilmente e offrono quindi il vantaggio di poter rivendere l'auto sia attrezzata sia come una vettura normale.


    Bookmark and Share

  • © 2011 FIAT S.p.A • P. IVA 00469580013 • Note LegaliCredits